Home
Federazione Confsal-UNSA
BATTAGLIA: “BENE L’ACCORDO, ORA IL CONTRATTO”
Giovedì 01 Dicembre 2016 10:15

m battagliaBATTAGLIA: “BENE L’ACCORDO, ORA IL CONTRATTO”

«L’accordo siglato ieri sul pubblico impiego è un primo passo? Certo, ma non bisogna mollare. Dobbiamo arrivare velocemente al contratto per far avere risultati concreti ai lavoratori» afferma Massimo Battaglia, Segretario Generale della Federazione Confsal-UNSA.

«Dal 5 dicembre scatta il pressing per un’immediata direttiva all’Aran per il CCNL delle Funzioni Centrali» comunica il Segretario che aggiunge «Non bastano i sorrisi, le foto e le dichiarazioni. Servono i fatti concreti. Per questo mi sembra intellettualmente onesto ribadire che l’accordo di ieri è stato la finalizzazione dell’iniziativa della Confsal-UNSA che ha portato alla sentenza n. 178/2015 della Corte costituzionale per lo sblocco dei Contratti».

«I punti di accordo con il Governo riproducono pienamente i contenuti della piattaforma contrattuale della Confsal-UNSA già pubblicata da più di 10 mesi e ribaditi in occasione degli incontri di questi giorni a Palazzo Vidoni sui seguenti principi:

-Defiscalizzazione del salario di produttività;

-Incrementi medi di 85 euro;

-Neutralizzazione degli incrementi retributivi ai fini della fruizione del bonus fiscale di 80 euro;

-Modifiche al dlgs 150/2009 e ripristino del CCNL quale fonte primaria della disciplina del rapporto di lavoro;

-Semplificazione nella quantificazione e gestione delle risorse destinate alla contrattazione integrativa».

«Si apre adesso» nota Battaglia «una partita che impegna il Governo a stanziamenti maggiori nella legge di bilancio 2017 tali da garantire gli 85 euro, a predisporre gli atti per le modifiche normative alle leggi che in questi ultimi sei anni hanno imperversato sui contratti collettivi nazionali, a inviare la Direttiva all’Aran per l’apertura della trattativa nella quale declinare i principi sopra riportati».

«Oltre all’iniziativa giurisdizionale, la Confsal-UNSA in questi anni ha messo in campo tantissime iniziative e manifestazioni portando in piazza migliaia di lavoratrici e lavoratori; dalla restituzione al mittente dei 5 euro inizialmente stanziati per i rinnovi contrattuali fino allo sciopero della fame» ricorda Battaglia, che conclude

«Quanto sopra, comprensivo degli 85 euro, possiamo ascriverlo come il risultato delle nostre idee, del nostro impegno e del nostro lavoro che non si ferma qui; al tavolo delle trattative all’Aran saremo ancora più determinati affinché questi principi siano tradotti al meglio nel CCNL e, in più, lavoreremo affinché ci siano ulteriori interventi normativi, ad esempio, sulla vergognosa dilazione e rateizzazione dei trattamenti di fine servizio dei dipendenti pubblici».

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (BENE L'ACCORDO ORA IL CONTRATTO - comunicato 1-12-2016.pdf)BENE L'ACCORDO ORA IL CONTRATTO - comunicato 1-12-2016.pdf 196 Kb
 
25 novembre - GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA VERSO LE DONNE
Venerdì 25 Novembre 2016 12:32

 

CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.

 

 

giornata-internazionale-contro-la-violenza-sulle-donne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'UNSA partecipa alla giornata internazionale contro la violenza sulle Donne.

 

Crediamo nel rispetto quale valore umano fondamentale che lega le persone.

 

Per tale motivo, in questa ricorrenza simbolica, ma purtroppo sempre più necessaria per risvegliare le coscienze, esprimiamo la nostra solidarietà, la vicinanza e il sostegno a tutte le donne e a tutte le iniziative che contrastano ogni forma di violenza contro le donne.

 

 

 

 
L'UNSA su IL Sole 24Ore e ANSA
Mercoledì 16 Novembre 2016 10:24

 

L'UNSA su IL SOLE 24 ORE e ANSA

 

Riportiamo in allegato l'articolo de IL Sole 24ORE della data odierna che richiama l'incontro avuto dall'UNSA in data di ieri 15.11.2016 con la Funzione Pubblica sui rinnovi contrattuali.

 

logo il sole 24 ore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

logo ansa
ANSA-FOCUS/ Un anno in più per vincitori e idonei concorsi P.a 
In arrivo la proroga per 155mila nelle graduatorie in scadenza 
ROMA 
 
(ANSA) - ROMA, 15 NOV - Ossigeno per le amministrazioni in affanno ma anche speranza per chi è in fila. Il Governo è pronto a prorogare di un anno tutte le graduatorie dei concorsi pubblici in scadenza. La strada sarà quella di una modifica alla legge di Bilancio. La novità interessa 4.471 vincitori e 151.378 idonei, tanti sono gli italiani in attesa di una chiamata. Ma l'allungamento fino a tutto il 2017 era stato chiesto anche dalle amministrazioni, in particolare dai Comuni, a caccia di personale.
 
La ministra della P.a, Marianna Madia, aveva già dato un segnale di apertura che ora prende la forma di un emendamento alla manovra. D'altra parte emettere nuovi bandi e indire altre selezioni ha un costo, mentre mantenere in piedi una graduatoria non ha alcun onere. Inoltre per fare concorsi occorre tempo, cosa che gli enti locali non hanno, avendo bisogno immediato di lavoratori. Il tutto combacerebbe con l'allentamento dei vincoli al turnover.
 
Una misura d'emergenza, quindi, destinata a traghettare il sistema verso nuove modalità di reclutamento, da mettere nero su bianco nel Testo Unico del pubblico impiego, che il Governo presenterà entro febbraio prossimo.
 
La proroga, che già trova il sostegno del Movimento Cinque Stelle, risponde dunque sia al pressing dell'Anci, il presidente Antonio Decaro aveva scritto alla ministra, sia a quello delle migliaia di vincitori e idonei. "Accogliamo con grande piacere" la novità, commenta con soddisfazione il comitato nazionale XXVII ottobre, da tempo voce di chi aspetta un'assunzione.
 
Proprio in mattinata, infatti, il comitato era stato ricevuto al ministero della P.a, dopo un sit-in sotto Palazzo Vidoni.
 
Poco prima erano saliti nelle sede della Funzione Pubblica i sindacalisti della Confsal Unsa e della Fials Confsal, che si erano detti pronti allo sciopero della fame senza rassicurazioni sul rinnovo del contratto degli statali, altro fronte caldo della P.a. Anche in questo caso però sarebbero arrivate delle garanzie: "Il Governo ci ha fatto sapere che si impegnerà a massimizzare il più possibile le risorse da destinare ai rinnovi", fa sapere al termine dell'incontro il segretario generale dell'Unsa, Massimo Battaglia. Ma se la partita sulle assunzioni nel pubblico impiego va ormai definendosi, per i contratti c'è ancora da attendere e probabilmente tutto sarà più chiaro solo dopo che il governo convocherà i sindacati, ufficializzando lo sblocco.(ANSA). 
Y08/ S0A QBXB
Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (UNSA su IL Sole 24Ore 16.11.2016.pdf)UNSA su IL Sole 24Ore 16.11.2016.pdf 127 Kb
 
ELEZIONI FONDO DI PREVIDENZA PERSEO SIRIO
Mercoledì 23 Novembre 2016 17:08

 

logo perseo sirioELEZIONI FONDO DI PREVIDENZA PERSEO SIRIO

SODDISFATTI? SICURAMENTE SI’. MA…

 

Cari amici,

sono appena terminate le elezioni per l’Assemblea dei delegati del Fondo di Previdenza Complementare Perseo Sirio che ha visto impegnata la Federazione Confsal-UNSA – quale parte costitutiva del Fondo - con una propria lista.

 

Siamo soddisfatti dell’esito elettorale? Sicuramente sì. Però va detto che su 39.000 aventi diritto solo 4.137 hanno votato e questo deve far riflettere tutti i sindacati e i lavoratori, iscritti e non al Fondo di Previdenza Complementare.

 

Del resto la Previdenza Complementare è una cosa importante per tutti e nessuno può esserne disinteressato, poiché è uno strumento capace di migliorare le future condizioni pensionistiche dei dipendenti pubblici.

 

L’UNSA ha avuto la forza di partecipare alla tornata elettorale da sola in un ambito molto allargato che ha incluso le Regioni e la Sanità, i Ministeri e l’Università, le Agenzie Fiscali, gli Enti Pubblici Non Economici e gli Enti Locali.

 

Queste elezioni ci consegnano la consapevolezza di essere un grande sindacato che da solo ha saputo raggiungere in questa cornice allargata ben il 13% delle preferenze, vedendosi attribuire 4 seggi nell’Assemblea dei Delegati. A tale riguardo, rivolgo un grande Grazie a tutti coloro che si sono spesi per questo risultato e a coloro che hanno votato per la nostra Lista donandoci la loro fiducia.

 

Concludo dicendo che, anche se c’è grande soddisfazione per quanto raggiunto dall’UNSA, ritengo serio prendere atto del fatto – anche amaramente - che la partecipazione dei lavoratori aventi diritto al voto è stata residuale, di molto inferiore alle attese.

 

È una riflessione che pongo al vasto panorama sindacale e agli organi del Fondo.

 

IL SEGRETARIO GENERALE

Massimo Battaglia

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (ELEZIONI PERSEO SIRIO 23-11-2016.pdf)ELEZIONI PERSEO SIRIO 23-11-2016.pdf 162 Kb
 
Battaglia (UNSA) e Carbone (FIALS): disponibilità del governo sul pubblico impiego
Martedì 15 Novembre 2016 14:32

15.11.2016 incontro in funzione pubblica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Battaglia (UNSA) e Carbone (FIALS): disponibilità del governo sul pubblico impiego

 

A seguito della manifestazione del 9 novembre u.s. a Piazza Montecitorio e alla volontà di proseguire con lo sciopero della fame per ottenere un contratto dignitoso per i dipendenti pubblici, l’UNSA e la FIALS sono state ricevute a Palazzo Vidoni.

 

«Abbiamo registrato una piena disponibilità da parte del Governo ad intervenire sulle criticità del pubblico impiego» dichiarano Massimo Battaglia e Giuseppe Carbone, Segretari Generali rispettivamente della Federazione Confsal-UNSA e FIALS-Confsal, al termine dell’incontro odierno in Funzione Pubblica con la delegazione della Ministra Madia, presenti il Capo di Gabinetto B. Polverari, il Vice Capo di Gabinetto e il Segretario del Ministro.

 

«il Governo, in risposta alle richieste formulate dall’UNSA e dalla FIALS, ci ha fatto sapere che si impegnerà a massimizzare il più possibile le risorse da destinare ai rinnovi contrattuali e al tempo stesso ad intervenire anche legislativamente per modificare la normativa vigente relativa al pubblico impiego su alcuni punti che abbiamo già da tempo segnalato. Ci riferiamo ad esempio, ma non solo, alla Legge Brunetta e al sistema delle relazioni sindacali» proseguono Battaglia e Carbone

 

«Abbiamo potuto verificare inoltre la grande attenzione con cui in Funzione Pubblica si analizzano e approfondiscono le proposte avanzate nel corso del tempo dall’UNSA e dalla FIALS nell’ambito e in coerenza con la piattaforma confederale. Pertantoۗ» concludono Battaglia e Carbone «nel sospendere in questa fase lo sciopero della fame indetto per domani, attendiamo una rapida convocazione nei prossimi giorni da parte del Ministro per proseguire il confronto».

 

 

logo ansa

riportiamo la notizia dell'Agenzia ANSA

 

P.a: Confsal Unsa, da ministero aperture su contratti 
Sindacato, incontro a p.Vidoni,impegno per massimizzare risorse 
ROMA 
 
(ANSA) - ROMA, 15 NOV - "Abbiamo registrato una piena
disponibilità da parte del Governo ad intervenire sulle
criticità del pubblico impiego". Così i segretari generali di
Confsal Unsa, Massimo Battaglia, e Fials Confsal, Giuseppe
Carbone, al termine dell'incontro al ministero della P.a, a
palazzo Vidoni. "Il Governo ci ha fatto sapere che si impegnerà
a massimizzare il più possibile le risorse da destinare ai
rinnovi contrattuali e al tempo stesso ad intervenire anche
legislativamente per modificare la normativa vigente relativa al
pubblico impiego: non solo sulla legge Brunetta ma anche sul
sistema delle relazioni sindacali", proseguono Battaglia e
Carbone.
   Le sigle hanno quindi rilevato "grande attenzione" da parte
del ministero e di conseguenza deciso di "sospendere in questa
fase lo sciopero della fame indetto per domani". Ora si attende
"una convocazione nei prossimi giorni da parte del ministro per
proseguire il confronto".(ANSA)
 
 
 
 
 
 
© 2010 Federazione Confsal-UNSA. Tutti i diritti riservati. - Preventivo Sito Web: Artematika.it