Home
Federazione Confsal-UNSA
DENTRO IL NUOVO CONTRATTO, Approfondimento n. 3 - il trattamento economico
Mercoledì 21 Febbraio 2018 12:12

dentro il contratto n .3DENTRO IL NUOVO CONTRATTO, Approfondimento n. 3 -

IL TRATTAMENTO ECONOMICO

 

 

 

21.02.2017 – Dopo aver affrontato le novità relative alle nuove relazioni sindacali e alle diverse tipologie di assenze,

La Segreteria Generale della Federazione Confsal-UNSA rende disponibile il terzo approfondimento del nuovo CCNL delle Funzioni Centrali,

relativo ai trattamenti economici dei lavoratori.

 

Il Documento è disponibile in allegato.

 

Il Segretario Generale

Massimo Battaglia

 

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (Dentro il Contratto- Approfondimento n_3_Trattamento Economico.pdf)Dentro il Contratto- Approfondimento n_3_Trattamento Economico.pdf 1630 Kb
 
FACCIAMO CHIAREZZA SULLE VISITE SPECIALISTICHE
Lunedì 19 Febbraio 2018 15:54

 

visita specialisticheFACCIAMO CHIAREZZA SULLE VISITE SPECIALISTICHE

 

Nuovo CCNL Funzioni Centrali,

“infondati i comunicati di FLP e USB“

 

 

FLP e USB forse pensano che un tema così delicato e sentito quale quello della salute potrebbe funzionare nella psicologia dei lavoratori per prendere qualche voto in più alle RSU. 

Cerchiamo ora di ricostruire l’evoluzione della normativa,  facendo un po’ di chiarezza. 

Nel 2011 fu introdotto dal legislatore il comma 5-ter dell’art. 55-septies del DLgs 165/2001 (art. 16, comma 9, legge n. 111 del 2011) che ordinava: “Nel caso in cui l'assenza per malattia abbia luogo per l'espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici l’assenza è giustificata mediante la presentazione di attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione.”

Quindi il dipendente per la prestazione per le visite specialistiche poteva continuare a utilizzare sia i permessi brevi, sia permessi retribuiti, sia permessi per malattia (ad es.  artt. 20, 21 e 18 del CCNL Ministeri), nei casi ci fossero i presupposti.   

Con la legge n. 125 del 30 ottobre del 2013,  venne nuovamente modificato come segue il  comma 5-ter: ”Nel caso in cui l'assenza per malattia abbia luogo per l'espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici il permesso e' giustificato mediante la presentazione di attestazione, anche in ordine all'orario, rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione o trasmessa da questi ultimi mediante posta elettronica”.

Nel 2014 il Dipartimento della Funzione Pubblica, con la circolare n. 2 emanata il 17 febbraio, interpretando la legge n.125 del 2013, impartii disposizioni a tutte le pubbliche amministrazioni fornendo i seguenti chiarimenti “a seguito dell'entrata in vigore della novella, (legge n.125 del 2013) per l'effettuazione di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici il dipendente deve fruire dei permessi per documentati motivi personali,  (ovvero le 18 ore previste  dall’art18 del CCNL 2002/ 2005) secondo la disciplina dei CCNL, o di istituti contrattuali similari o alternativi (come i permessi brevi o la banca delle ore)

Il TAR del Lazio, con sentenza n. 5714/2015, ha annullato la circolare n.2/2014 della Funzione Pubblica, dichiarandola illegittima,  “in quanto la materia oggetto della novella trova il suo naturale elemento di attuazione nella disciplina contrattuale da rivisitare e non in atti generali che impongono modifiche unilaterali in riferimento a CCNL già sottoscritti “.

Quindi era obbligatorio per legge regolamentare contrattualmente tale istituto per evitare ulteriori interventi restrittivi da parte del legislatore.

Il nuovo art. 35 del CCNL Comparto Funzioni Centrali, in aggiunta alle 18 ore previste dal precedente CCNL, ne introduce ulteriori 18 “ per l’espletamento di visite e terapie”, che utilizzate a ore non sono assoggettate alla decurtazione del trattamento economico accessorio prevista per le assenze per malattia.

Infatti il comma 15 del nuovo CCNL recita  “Resta ferma la possibilità per il dipendente, per le finalità di cui al comma 1, di fruire in alternativa ai permessi di cui al presente articolo, anche dei permessi orari a recupero, dei permessi per motivi familiari e personali, dei riposi connessi alla banca delle ore, dei riposi compensativi per le prestazioni di lavoro straordinario, secondo la disciplina prevista per il trattamento economico e giuridico di tali istituti dal presente CCNL.”

Per ulteriore chiarezza ricordiamo che è sempre possibile utilizzare  “l'assenza per malattia per l'espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici”, come disposto dal comma 5-ter dell’art. 55-septies del DLgs 165/2001, nei casi previsti dall’art 35 del CCNL:

- comma 11, nel caso di concomitanza tra l'espletamento di visite specialistiche, l'effettuazione di terapie od esami diagnostici e la situazione di incapacità lavorativa temporanea del dipendente conseguente ad una patologia in atto

- comma 12 nei casi in cui l’incapacità lavorativa è determinata dalle caratteristiche di esecuzione e di impegno organico delle visite specialistiche, degli accertamenti, esami diagnostici e/o delle terapie

- comma 14, nel caso di dipendenti che, a causa delle patologie sofferte, debbano sottoporsi periodicamente, per lunghi periodi, a terapie comportanti incapacità al lavoro.

In sintesi il nuovo CCNL prevede più tutele rispetto al precedente CCNL e armonizza le modifiche legislative intervenute durante i 9 anni di blocco contrattuale.

Questi sono i fatti !

Le argomentazioni dei sindacati non firmatari (al momento) del CCNL Funzioni Centrali sono invece solo populismo e allarmismo creato ad arte per alimentare malcontento e racimolare qualche voto alle prossime RSU !

Roma, 18 febbraio 2018.

Il Segretario Generale

Massimo Battaglia

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (FACCIAMO CHIAREZZA sulle visite specialistiche.pdf)FACCIAMO CHIAREZZA sulle visite specialistiche.pdf 101 Kb
 
BATTAGLIA: CONTRATTO FUNZIONI CENTRALI - FINITO UN INCUBO DURATO 9 ANNI
Lunedì 12 Febbraio 2018 17:07

 

12 febbraio 2018 - firma definitiva ccnl

 

BATTAGLIA: PA, CONTRATTO FUNZIONI CENTRALI - FINITO UN INCUBO DURATO 9 ANNI.

 

 

«Con la firma definitiva di oggi, si mette fine ad una lunga cavalcata che ha visto questa Federazione in prima linea, in piazza dal 2011, fino ad arrivare alla Corte Costituzionale nel 2015» afferma Massimo Battaglia, Segretario Generale della Confsal-UNSA.

 

«Da oggi inizia un percorso nuovo nel grande comparto delle funzioni centrali, che ci vedrà impegnati a tutelare le cose buone di questo CCNL e a preparare già il prossimo per il triennio 2019-2021»

 

«Questo contratto lo abbiamo voluto combattendo e lo difenderemo nello stesso modo, contro i populisti e i demagoghi che sempre vogliono “una cosa in più”» spiega Battaglia

 

«A chi oggi non firma, denigrando i contenuti del contratto e chi lo firma, si chiede la coerenza sindacale fino in fondo e non sottoscrivere mai il contratto, abbandonando quelle vecchie abitudini di apporre la firma successivamente e in sordina, dopo aver proclamato ai 4 venti il loro dissenso, giusto per accaparrarsi qualche consenso degli scontenti. Ecco le prove» afferma Battaglia.

 

«Combatterò ogni giorno contro chi -“forse” per qualche voto in più alle RSU- denigra questo CCNL»

 

 

 

Si allega un esempio di firma successiva ai contratti

USB PI (sottoscrizione del CCNL Ministeri del 14/09/2007, in data 24/01/2008)

In ogni caso si precisa che alcune Organizzazioni oggi rappresentative, non lo erano in passato nei comparti oggi confluiti nelle funzioni centrali e pertanto non potevano neanche partecipare alle trattative, né decidere se sottoscrivere o meno il contratto.

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (BATTAGLIA - FINITO UN INCUBO DURATO 9 ANNI.pdf)BATTAGLIA - FINITO UN INCUBO DURATO 9 ANNI.pdf 170 Kb
 
CCNL FUNZIONI CENTRALI COORDINATO
Lunedì 19 Febbraio 2018 12:40

 

ccnl funzioni centrali coordinatoTESTO COORDINATO DEL CCNL FUNZIONI CENTRALI 2016-2018

 

La Segreteria Generale rende disponibile, quale strumento utile all'attività sindacale dei responsabili della Confsal-UNSA in favore dei colleghi, il testo del CCNL Funzioni Centrali 2016-2018 coordinato con tutte le norme vigenti di riferimento, comprese le norme del D. Lgs 165/01.

 

Il Documento è disponibile in allegato.

 

Il Segretario Generale

Massimo Battaglia

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (CCNL Funzioni centrali_16-18 Coordinato -UNSA.PDF)CCNL Funzioni centrali_16-18 Coordinato -UNSA.PDF 3952 Kb
 
RITARDATO PAGAMENTO TFS - IL RICORSO DELL'UNSA AD APRILE AL TRIBUNALE DI ROMA
Mercoledì 07 Febbraio 2018 09:54

 

ritardo pagamento tfs - ricorso unsa - trib roma

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Prosegue l'impegno della Confsal-UNSA per eliminare l'ingiustificabile norma che obbliga i dipendenti pubblici ad attendere 27 mesi per ottenere il proprio Tfs/Tfr. Ad aprile è fissata l'udienza del Tribunale di Roma sul ricorso dell'UNSA. Puntiamo a far sollevare la questione di costituzionalità.
Vi terremo aggiornati.
IN ALLEGATO E' DISPONIBILE IL COMUNICATO.
 
Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (TFR dipendenti pubblici  ricorso UNSA.pdf)TFR dipendenti pubblici ricorso UNSA.pdf 43 Kb
 
© 2010 Federazione Confsal-UNSA. Tutti i diritti riservati. -